Condividi:

Il consigliere Antonio Foti ha presentato una interrogazione all’assessore Antonio Nicosia riguardante l’istituzione dell’Ecomuseo per sapere quali iniziative sono state adottate al fine di ottenere il riconoscimento della qualifica di Ecomuseo anche in considerazione degli atti pubblicati sul sito dell’Assessorato Regionale dei Beni Culturali e dell’identità Siciliana in data 23 dicembre 2020, ricordando inoltre che è stato ulteriormente prorogato il termini di presentazione dell’istanza dalla Regione Sicilia. Un tema, quello dell’Ecomuseo, già affrontato nel precedente Consiglio Comunale nel maggio del 2020. Milazzo – sostiene il Consigliere Foti – per la sua conformazione geografica, per il suo patrimonio storico ed artistico e per le caratteristiche del territorio, potrebbe prestarsi a queste nuove forme di esperienze culturali già sperimentate in molte città e realtà siciliane, con iniziative e progetti culturali innovativi.

Quaranta milioni di euro di contributi straordinari per le Zea, le Zone economiche ambientali, ovvero le aree che coincidono con i territori dei parchi nazionali, istituite dalla legge clima a fine 2019.
Beneficiari dei contributi le micro e piccole imprese, le attività di guida escursionistica ambientale, le guide dei parchi che hanno una sede operativa all’interno di una Zea o che operano in un’area marina protetta e che hanno sofferto una riduzione del fatturato.
Il contributo straordinario è cumulabile, nel tetto massimo della perdita subita, con le indennità e le agevolazioni, anche finanziarie, emanate a livello nazionale per fronteggiare la crisi economico-finanziaria causata dall’emergenza sanitaria Covid-19, comprese le indennità erogate dall’Inps.
La domanda deve essere compilata in via telematica accedendo, mediante le credenziali fornite dall’Agenzia delle entrate, al portale www.contributozea.it raggiungibile anche dal sito del ministero dell’Ambiente.
Dal 15 febbraio al 15 marzo sarà possibile trasmettere le istanze, seguendo le indicazioni riportate nel manuale “Istruzioni per la compilazione” pubblicato sul portale. Entro sessanta giorni dalla data di scadenza di presentazione delle istanze sarà pubblicato sul sito del ministero e sul portale dedicato il piano di riparto del contributo straordinario tra i beneficiari ammessi.
In allegato il bando.

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.