Condividi:

Giro di fatture false ed evasione fiscale, sotto setaccio l’attività illecita di nove soggetti. 

Sul caso il Gup di Barcellona Salvatore Pugliese, ha condannato ad 1 anno e 2 mesi di reclusione l’ imprenditore Felice Nania, 58 anni di Milazzo, nella qualità di titolare della omonima ditta, grazie a fatture che gli inquirenti presumono essere false emesse da due associazioni milazzesi, la “Samas” e “A.S. Maristat Marketing e Rivelazioni statistiche” entrambe amministrate da un barbiere. Inoltre otto imprese avrebbero evaso imposte sui redditi e sull’ iva del 2008 fino al 2012.

Sono stati rinviati a giudizio anche Giacomo Ruvolo di 66 anni, Santo Smedile 65 anni, Francesco Abbriano 68 anni, Santi Maio 55 anni, Lucia Abbriano 48 enne entrambi di Milazzo, Lucia Siragusa 60 anni anche lei milazzese, Corrado Alfio Licciardello 43 anni di Torregrotta, Erich Saccà 38 anni di San Filippo del Mela e Rosa Cangemi 55enne di Monforte San Giorgio. Al Ruvolo e Smedile si contesta nelle loro rispettive qualità, al fine di consentire l’ evasione delle imposte sui redditi e sul valore aggiunto, emettevano fatture a favore delle 9 società relative ad operatori in parte o in tutto inesistenti per importi totali di 1 milione e 934 mila euro.

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.