Condividi:

Si è svolto a palazzo D’Amico il focus su turismo, economia e portualità promosso dalla Camera di Commercio. L’evento, denominato “Incontri d’estate 2021” si è tenuto anche a Messina e domani si concluderà a Taormina.

Ad essere coinvolti ospiti del mondo della cultura, dello spettacolo, della letteratura, della politica, del mondo imprenditoriale, economico e associativo pronti a confrontarsi sui temi di attualità e di interesse per fornire una visione complessiva atta a valorizzare le comunità locali e suggerire soluzioni utili per fare fronte alla recessione conseguente alla pandemia.
Nel meeting di Milazzo, coordinato da Massimo Maria Amorosini, sono intervenuti il vicepresidente della Regione, Gaetano Armao, il sindaco Pippo Midili, il presidente della Camera di Commercio Ivo Blandina, il presidente dell’Enit, Giorgio Palmucci, il presidente dell’Area marina “Capo Milazzo”, Giovanni Mangano, Gaetano Fausto Esposito, direttore generale Centro Studi “Guglielmo Tagliacarne”, Maurizio Cociancich, progettista dell’intervento di riqualificazione dei Molini Lo Presti e Totò Scalisi, operatore ed esperto di Turismo.
Tre i temi affrontati nel corso del dibattito: la portualità quale valore aggiunto per la città di Milazzo, la scelta della “Porta del mare” quale obiettivo di rilancio anche dei servizi e poi la valorizzazione del patrimonio culturale, in primis del Castello, nell’ambito del progetto “Valore Italia” promosso da Agenzia del Demanio con il Mibact, Enit ed altri partner per recuperare e valorizzare il patrimonio pubblico coniugando turismo, cultura, ambiente e mobilità dolce, attraverso la sinergia di tutte le istituzioni coinvolte, insieme per fare rete intorno al rilancio del settore turistico italiano.

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.