Condividi:

Il presidente della Regione, Nello Musumeci ha disposto lo stanziamento di un milione di euro in favore del Comune di Milazzo per la realizzazione del Museo delle tradizioni marinare nei locali dell’ex Asilo Calcagno, nel borgo di Vaccarella.

Obiettivo questo che l’Amministrazione Midili si era prefissato subito dopo l’insediamento, attivando gli uffici per rimodulare completamente un vecchio progetto, redatto dal funzionario comunale Nino Giardina. Elaborato approvato, su proposta dell’assessore ai lavori pubblici Santi Romagnolo nel luglio dello scorso anno.
Poi a dicembre, in occasione della visita ufficiale di Musumeci a Milazzo, il sindaco Midili ha organizzato un sopralluogo presso la struttura, evidenziando l’intenzione di riqualificare non solo un bene da decenni aggredito dal degrado, ma di rilanciarlo nell’ottica di una valorizzazione dell’intero borgo marinaro.
Un appello raccolto dal presidente della Regione che in quella occasione si era impegnato col sindaco Midili ad individuare una fonte di finanziamento.
“Ci siamo riusciti – ha detto ieri Musumeci – e in questo modo, da un lato recuperiamo un bene storico degli inizi del secolo scorso, da decenni inspiegabilmente nell’abbandono più totale, e dall’altro lo valorizziamo dando vita a un luogo di tradizioni marinare che in una città come Milazzo non può mancare». Il “governatore” ha anche espresso il suo plauso all’Amministrazione per la capacità di portare avanti delle progettualità esecutive che consentono di intercettare le necessarie risorse».
«Ancora una volta il presidente Musumeci dimostra grande attenzione per la nostra città e di questo lo ringrazio pubblicamente – ha affermato da parte sua il sindaco Midili –. Uno dei punti chiave del nostro progetto di rigenerazione urbana era proprio il recupero dell’asilo Calcagno e la realizzazione del Museo delle tradizioni marinare. Un mese fa il Presidente mi aveva garantito il suo pieno interessamento per il progetto di riqualificazione dell’ex Asilo. Oggi, da galantuomo quale è sempre stato, ha mantenuto l’impegno. A lui ed all’on. Galluzzo il mio ringraziamento e quello della città intera».
La costruzione dell’Asilo Calcagno risale al 1903. Progettato dall’architetto Salvatore Richichi, già autore del Palazzo Municipale, fu realizzato con l’impegno del senatore Giuseppe Calcagno, tra i notabili più rappresentativi a inizio Novecento nella Città di Milazzo.
E’ costituito dal piano terra sopraelevato rispetto al livello stradale e da un primo piano, mentre nella parte retrostante vi è una grande area non edificata di interesse archeologico, che confina con la via Santa Maria Maggiore.
Il progetto, già esitato in conferenza di servizi, prevede – come spiegato dall’assessore ai lavori pubblici Santi Romagnolo– il miglioramento sismico del fabbricato, con la sostituzione della copertura, la realizzazione di scale e ascensore, la ricollocazione dei pavimenti e tutta una serie di opere tali da consentire appunto la destinazione d’uso a Museo delle tradizioni marinare.

 

“Ancora una volta dalla sinergia istituzionale arrivano le risposte per la comunità. E, ancora una volta il presidente Musumeci dimostra di tenere in grande considerazione la città di Milazzo”. Ad affermarlo il deputato di “Diventerà Bellissima”, Pino Galluzzo che esprime la sua soddisfazione per le risorse assegnate al Comune di Milazzo e plaude “all’operato dell’Amministrazione guidata dal sindaco Midili che sin da subito ha puntato su una progettualità mirata per il recupero di beni abbandonati ma soprattutto su un percorso di rilancio della città”.

“Desidero esprimere un vivo ringraziamento al presidente della Regione Nello Musumeci per avere mantenuto l’impegno assunto durante la sua visita a Milazzo. Finanziare la trasformazione dell’ex Asilo Calcagno in un Museo delle tradizioni marinare è un atto di grande significato per la cultura e la civiltà marinara milazzese».
Questo quanto afferma in una breve dichiarazione la consigliera comunale Fabiana Bambaci.

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.