Condividi:

Il consigliere comunale Pippo Midili ha replicato con la nota che di seguito riportiamo alla dichiarazione del sindaco Formica sull’operazione “Dinastia”.
“Trovo quanto meno imbarazzante – scrive Midili – fare campagna elettorale su una brillante operazione della DDA, l’operazione Dinastia, sulla quale tutti dovremmo complimentarci. Il prossimo ex Sindaco della mia città ha invece emanato un comunicato stampa, per chiaro populismo di bassa lega e che sminuisce il valore di quanto fatto oggi dagli uomini delle forze dell’ordine e della Procura per proporre un attacco contro la mia persona e la mia candidatura a Sindaco. Indicandomi come negazionista della mafia il Sindaco intende sottendere cosa? Lo chiarisca senza retro pensieri. La storia di ognuno di noi parla in maniera inequivoca per cui, se sa cose che ha me sfuggono le renda pubbliche.
Per chiarezza e sperando che con queste parole possa comprendermi anche lei, nessuna richiesta di consiglio comunale fu avanzata per il fatto che lei dichiarò in televisione “ Milazzo è una città mafiosa come tutte le altre in Sicilia.” che equivale a dire che ogni milazzese è potenzialmente mafioso. Questo non lo accettai a novembre del 2016 e non lo accetto neanche oggi ed in aula dissi che Milazzo subisce, come molte altre città in Sicilia, il fenomeno mafioso e che ciò non equivale a dire che è una città mafiosa. La stragrande maggioranza dei miei concittadini è onesta, seria e laboriosa.
Il consiglio straordinario – prosegue Midili – lo richiesi per avere contezza dei procedimenti disciplinari da lei annunciati su alcuni dipendenti del Comune e per avere contezza di alcuni procedimenti precedenti rimasti senza alcuna risposta da parte sua. Tendere a confondere la gente è sempre stata la sua tattica preferita. Adesso mi auguro che le sia chiaro tutto. Una cosa però la chiedo prima che lasci la carica di primo cittadino. Come mai ha atteso solo oggi per esprimersi in questi termini di eloquente volgarità ed insinuazione nei miei confronti, considerando che nel corso degli ultimi tre anni, grazie a Dio, la Dia e le forze dell’ordine hanno portato brillantemente a termine altre operazioni antimafia che hanno interessato pure la nostra città senza che lei, Giovanni Formica, spendesse una sola parola di elogio nei confronti dei tutori della legge e di veleno ( politico) su di me e le mie dichiarazioni?.
Non avendo voglia di continuare ad alimentare il suo polemico gioco, continui pure a fare campagna elettorale contro di me e magnificando le sue insane gesta compiute nel corso di questo quinquennio che resterà certamente nella storia della nostra città”.

Annunci

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.