Condividi:

I provvedimenti tanto attesi partiranno domani mattina quando il dirigente al personale del comune di Milazzo, Michele Bucolo, firmerà la sospensione dal lavoro per i 59 dipendenti coinvolti nell’inchiesta della Guardia di Finanza “Libera uscita” ed avviata dalla Procura di Barcellona.

L’amministrazione comunale guidata dal sindaco Giovanni Formica procederà a sospendere dal servizio i 59 dipendenti raggiunti da misura restrittiva e rimarranno sospesi dal servizio fino a quando durerà l’ obbligo di firma. In sostanza il provvedimento comunale, in applicazione al decreto Brunetta, comporterà la decurtazione del 50% dello stipendio. Gli inquirenti hanno considerato gravi le condotte illecite di tre dipendenti. Nell’ ordinanza del giudice, le condotte riscontrate vengono suddivise in tre categorie, i dipendenti che hanno marcato i badge dei colleghi assenti o che hanno ricevuto “favore” da altri, nella seconda categoria fanno parte quanti non avendo timbrato la tessera magnetica avrebbero certificato ingresso- uscita in un modulo e nell’ ultimo risultavano i dipendenti che si allontanavano dall’ufficio senza la marcatura del badge e senza autorizzazione.

Per il primo cittadino mamertino adesso c’è da riorganizzare gli uffici comunali, decimati dal provvedimento, ricordando chea Palazzo dell’Aquila ci sono 190 dipendenti su quasi 350 totali.

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.