Condividi:

Da abusivo punto di raccolta dei rifiuti, con annesso parcheggio altrettanto abusivo sul marciapiede, a punto informativo destinato ad impreziosire i resti dell’antico ed annesso edificio di culto adesso non più anonimo.
L’iniziativa è stata promossa dall’Amministrazione comunale che ha inteso restituire de-coro ai resti della chiesa della Madonna del Lume, attuando il primo di una serie di inter-venti di “Rigenerazione urbana attraverso la cultura dei luoghi”.
Una serie di pannelli dalla grafica sobria ma elegante, curati dalla Tipografia Lombardo in collaborazione con alcuni studiosi cittadini e montati sui singoli moduli della recinzione di cantiere, evidenzia adesso la storia, l’architettura e le opere d’arte un tempo conservate nello storico edificio, dalla pala d’altare della titolare a quella raffigurante il Martirio di S. Sebastiano, dalla statua di S. Rita a quella della Madonna del Carmelo, che nell’immediato secondo dopoguerra trovò ospitalità proprio nella piccola chiesa intitolata alla Madonna del Lume.
Un edificio ricco di storia che purtroppo negli ultimi decenni è stato ripetutamente morti-ficato dall’incuria e dalla penuria di senso civico, circostanze che hanno via via trasforma-to i resti della chiesa in una sorta di discarica improvvisata.
Abbattuta negli anni Cinquanta per esigenze urbanistiche, la chiesa della Madonna del Lume conserva soltanto la parete laterale rivolta verso Sud, con testimonianze degli altari e degli stucchi che abbellivano un profilo architettonico semplice e modesto, la cui faccia-ta principale si affacciava sulla via Umberto I.
“Il nostro slogan è “rigenerazione urbana attraverso la cultura dei luoghi” proprio per dare un duplice messaggio – afferma il sindaco Pippo Midili -. Rimuovere le criticità da porzio-ni del territorio, un tempo di rilevanza culturali che troppo facilmente vengono aggrediti dal degrado e tenere viva la memoria. Ovviamente quello di via Madonna del Lume è il punto di partenza di un “viaggio” che vogliamo proseguire nelle altre zone che sono stati o sono facciate di altri beni culturali diruti ed abbandonati”.

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.