Milazzo. Riorganizzazione rete ospedaliera, incontro con i deputati Galluzzo e Calderone: Obiettivi raggiunti: “Autonomia al Cutroni Zodda, Dea di 1° Livello con unità operative al Fogliani”

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Sulla questione della bozza regionale sul riordino della rete ospedaliera, le previsioni relative all’ospedale di Milazzo sono state illustrate ieri mattina nel corso di un incontro svoltosi nell’aula consiliare del Comune su iniziativa del presidente del consiglio, Gianfranco Nastasi, alla presenza dei deputati regionali Tommaso Calderone e Pino Galluzzo.

All’incontro, seguito da diversi consiglieri comunali, rappresentanti di “Cittadinanzattiva” e cittadini, sono intervenuti i parlamentari dell’Ars Tommaso Calderone e, Pino Galluzzo, componenti della commissione Sanità all’Ars e il portavoce dell’on. Antonio Catalfamo, capogruppo di “Fratelli d’Italia”, all’assemblea regionale, Santi Cautela.

L’on. Calderone, aprendo l’incontro si è soffermato sulle modifiche apportate dal nuovo assessore regionale Razza che saranno al vaglio della commissione, sottolineando come si sia riusciti a dare delle risposte ai cittadini di Milazzo e Barcellona senza penalizzare alcun presidio.

“Il ridimensionamento del “Cutroni Zodda” – ha detto – avrebbe danneggiato anche il “Fogliani” di Milazzo che si sarebbe ritrovato ad affrontare le emergenze di un comprensorio di 160 mila abitanti senza averne i mezzi. L’obiettivo è quello di ridare autonomia al Cutroni Zodda, oggi all’interno degli ospedali riuniti di Milazzo e Lipari con il ruolo di “ospedale di comunità”, promuovendolo, invece, al livello di “Presidio di base”. In questo modo Milazzo continuerebbe ad essere Dea di 1° Livello (Dipartimento di Emergenza Urgenza e Accettazione) mantenendo tutte le unità operative.

L’on. Galluzzo invece si è soffermato sull’approvazione da parte del Governo Musumeci di un emendamento che destina la percentuale del 2 per cento dei trasferimenti regionali alla spesa sanitaria per investimento alle Asp che operano nei poli petrolchimici. Ciò permetterà di valutare nuovi interventi sanitari sul territorio, quali ad esempio l’apertura di un reparto oncologico di cui questa zona purtroppo ha bisogno.

“Siamo molto fiduciosi rispetto agli impegni presi dal governo regionale sulla nuova rete ospedaliera. Sono state accolte le nostre osservanze e quelle dei sindacati. Adesso bisogna monitorare sulla fase attuativa delle nuove prescrizioni. Sottoporremo inoltre all’attenzione degli Assessori Regionali Cordaro e Razza anche la questione relativa all’aumento dei casi di nascita con malformazioni cardiovascolari. Approfondimenti andranno fatti anche in relazione al rilascio di sostanze nocive nella zona del porto di Milazzo dove si concentrano centinaia di scarichi diesel dei motori delle navi.” Lo dichiarano in una nota congiunta a margine dell’incontro, l’On. Antonio Catalfamo – capogruppo FdI all’Ars – e Giampaolo Piccolo, coordinatore cittadino FdI a Milazzo.

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.