Condividi:

L’evento, organizzato dalla UTE di Milazzo, si terrà giorno 6 Marzo, alle ore 16,30, nell’Aula Magna dell’Istituto Tecnico Tecnologico Ettore Majorana di Milazzo, sito in via Trento, 4.

Durante la presentazione del libro “Carlo Santacolomba. Un vescovo illuminato nella Sicilia del Settecento”, edito dalla Giambra Editori di Terme Vigliatore (Me), casa editrice indipendente della zona, che mira alla valorizzazione dell’identità siciliana, investendo sui giovani talenti. A questa casa editrice si deve la pubblicazione di diversi titoli che hanno riscosso diverso successo anche a livello nazionale, si pensi a “Caravaggio a Messina” e a “Il Tesoro di Federico II” della scrittrice Valentina Certo.
L’evento prenderà il via dai saluti. Il primo sarà il preside dell’Istituto Stellario Vadalà, seguito poi da Mons. Francesco Farsaci (Vicario Episcopale dell’Arcidiocesi di Messina-Lipari-Santa Lucia del Mela) e dall’editore Pierangelo Giambra (Giambra Editori).
Seguiranno i due interventi della serata.  Il primo, del professore di Letteratura e Storia prof. Filippo Russo, che si concentrerà sul tema “La Chiesa nel scolo dei Lumi”, cercando di delineare i passaggi essenziali della storia ecclesiastica, e della cultura in genere, del periodo dell’Illuminismo, giungendo fino al caso particolare della Milazzo del Settecento.
Il secondo intervento sarà quello dell’autore Dott. Salvatore Bella (tra l’altro, ex-studente dell’Istituto tecnico Mamertino) che, partendo dal caso specifico di un’opera sconosciuta riguardante Milazzo, esporrà le vicende e il pensiero riguardanti Mons. Carlo Santacolomba (1725-1801), vescovo d’Anemuria, abate e Prelato dell’antica Prelatura Nullius di Santa Lucia del Mela (che, dal 1986, si ritrova accorpata, insieme alla Diocesi di Lipari, all’Arcidiocesi di Messina).

L’intero evento verrà moderato dalla Prof. ssa Rossella Scaffidi, docente di Italiano e Storia presso l’ITT E. Majorana di Milazzo.

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.