Condividi:

Venerdì 11 giugno alle 17 il gruppo comunale Aido “Alba Munafò” incontrerà Michail Speciale impegnato in questi giorni ad effettuare in bici il periplo della Sicilia.

Michail è un socio dell’Aido Partinico e porta in giro per la Sicilia il valore della donazione degli organi, tessuti e cellule.
Ad accogliere Michail, oltre ai volontari dell’Aido, anche l’assessore ai servizi sociali Simone Magistri e rappresentanti delle associazioni del terzo settore.
Successivamente Speciale sarà accompagnato dagli atleti della Polisportiva Milazzo Asd capitanati da Francesco Pensabene in un breve giro della città.

Intanto sono state presentate dal consigliere comunale Antonio Foti una serie di proposte sullo stato e sulle problematiche delle aree archeologiche cittadine. Si tratta della Necropoli di Piazza Duomo, della Fattoria Ellenistica di Contrada Ciantro e del sito di Viale dei Cipressi, quest’ultimo inserito nel Parco Archeologico di Tindari.
Inoltre ripresentata la mozione approvata dal precedente Consiglio Comunale nel gennaio 2020 con la quale si impegna l’Amministrazione alla stipula di un Protocollo d’Intesa tra il Comune di Milazzo, il Parco Archeologico di Tindari e il Dipartimento di Civiltà Antiche e Moderne dell’Università di Messina con l’obiettivo di tutelare, valorizzare e promuovere il patrimonio archeologico della Città di Milazzo.
“La situazione delle nostre aree archeologiche – afferma Foti – presenta oggi numerose criticità e problematiche con riferimento in particolar modo allo stato di manutenzione, pulizia e decoro delle stesse. Non si comprende ancora quale strategia intende porre in essere l’assessorato ai Beni Culturali di Milazzo rispetto alla tutela e alla valorizzazione dei siti archeologici ricadenti nella nostra città. Infine prendiamo atto come, alla riapertura dei siti culturali, ai croceristi sbarcati a Messina ancora una volta non si proponga un passaggio su Milazzo finalizzato alla visita del nostro Centro Storico e della nostra Cittadella Fortificata. Flussi che sono stati dirottati esclusivamente su Taormina e Tindari”.

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.