Condividi:

Nella giornata di oggi l’Associazione Culturale “Mosaico” ha incontrato a palazzo dell’Aquila, il sindaco Pippo Midili per riprendere il discorso “MIsh Mash Festival” dopo la forzata interruzione dello scorso anno a causa della pandemia.

Quest’anno l’associazione “Mosaico” infatti è intenzionata a ripartire dopo gli straordinari riscontri positivi delle ultime edizioni e la presidente Lucrezia Muscianisi, assieme ad alcuni esponenti dello staff organizzativo, ha esposto al primo cittadino diverse ipotesi progettuali per organizzare la manifestazione all’interno del Castello nel rispetto delle normative anti-Covid19. Allo stato attuale, sono tre le ipotesi sulle quali occorrerà confrontarsi con l’Amministrazione per delineare un percorso che poi dovrà coinvolgere anche le attività turistico-ricettive della città; tutti uniti nella volontà di rinascere.

Il “Mish Mash Festival” è nato nel 2016 e da allora rappresenta un evento che ravviva l’estate della provincia messinese ricevendo apprezzamenti e visite da tutta Italia; proponendosi come vera e propria “avanguardia culturale”, quale festival multidisciplinare fondato sulla commistione di arti visive e musicali.

In questi anni sul palco del Castello si sono esibiti artisti del calibro di Calcutta, Coma_Cose, Pinguini Tattici Nucleari, Myss Keta, Frah Quintale, Nada, Carl Brave x Franco 126, Giuseppe la Spada, Alessio Barchitta, Nuuco, Andrea Sposari, Fabrizio Cicero.

Un evento che in pochi anni si è affermato tra i più importanti a livello nazionale e che nell’ultima edizione del 2019 ha contato circa 10.000 presenze complessive.

 “Ripartire è d’obbligo – hanno affermato la presidente Muscianisi ed il sindaco Midili – ma è fondamentale profondere tutti gli sforzi possibili per assicurare lo svolgimento del Festival in totale sicurezza”.

 

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.