Condividi:

La prima settimana di settembre, Oliveri, sarà il centro dell’arte e della bellezza. “Residenza di arte pubblica” è un progetto innovativo proposto dall’Associazione culturale Emergence, che punta a riqualificare gli spazi del paese, attraverso la realizzazione di vere e proprie opere d’arte.

Tre artisti internazionali, Nespoon, Ruce e Paganini, risiederanno per una settimana nel nostro comune e lavoreranno per realizzare i loro lavori che resteranno sul territorio.

L’assessore al decoro urbano e alla cultura Salvuccia Saporito: “Si tratta di una iniziativa unica nel suo genere, che vuole inserire Oliveri negli itinerari culturali dell’arte regionale. È intenzione di questa amministrazione comunale ripetere l’iniziativa ogni anno per far sì che il nostro territorio possa diventare un vero e proprio museo a cielo aperto, in cui i visitatori potranno beneficiare di scorci di arte e bellezza.

Migliorare i luoghi significa favorire lo sviluppo economico del paese, richiamando flussi di turisti, che potranno scoprire la nostra identità.”

Elemento innovativo, proposto da Giuseppe Stagnitta, sarà il coinvolgimento diretto dei cittadini, che si troveranno ad essere consulenti, collaboratori e allo stesso tempo “elementi ispiratori” degli artisti.

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.