Condividi:

Al via questa speciale iniziativa online per selezionare il primo cittadino più attivo quanto a buone pratiche di governo. C’è anche Francesco Iarrera, del comune tirrenico, tra gli 11 primi cittadini che si contendono lo scettro di sindaco più virtuoso d’Italia.

Un gioco, precisano gli organizzatori dell’associazione Comuni virtuosi, promotrice dell’iniziativa. Una realtà a cui aderiscono centinaia di enti locali dello Stivale, con protagonisti anche i piccoli comuni.

Il concorso promuove buone pratiche di governo, iniziative per il rispondere alle sfide in tema di risparmio energetico, nuove tecnologie, ma anche per il superamento degli ostacoli burocratici.

Il primo cittadino Iarrera ha commentato così: “Sono fra gli 11 finalisti del gioco del sindaco promosso dall’associazione per eleggere il più virtuoso d’Italia. Ci sono profili di colleghi e colleghe bravissimi e sono onorato di esserci anch’io. Invito tutti gli Oliveresi e non a partecipare alla votazione, non è necessario essere cittadini delle comunità degli 11 finalisti, se ritenete che il mio operato sia stato all’altezza votatemi, proviamo a vincere anche questa sfida”.

A contendersi il premio finale assieme al sindaco di Oliveri Francesco Iarrera ci sono Agnese Benedetti di Vallo di Nera (Perugia), Fabio Bonzi di Dossena (Bergamo), Massimo Castelli di Cerignale (Piacenza), Felice Ciccone di Macchiagodena (Isernia), Valentina Ghio di Sestri Levante (Genova), Christian Giordano di Vietri di Potenza, Francesco Iarrera di Oliveri (Messina), Luigi Lucchi di Berceto (Parma), Ileana Schipani di Scontrone (L’Aquila) e Michela Zanetti di Fornovo di Taro (Parma) e Stefania Bonaldi (Crema).

Sul portale comunivirtuosi si trovano informazioni sui profili di ognuno dei selezionati dagli organizzatori, da lì potete votare Francesco Iarrera, l’unico sindaco di un comune Siciliano in lista. C’è tempo fino al 31 Ottobre.

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.