Condividi:

Il Comune di Oliveri in collaborazione con l’Associazione Culturale Emergence e con il patrocinio dell’Assessorato ai Beni Culturali e dell’Identità Siciliana presenta la prima edizione delle residenze di arte pubblica a Oliveri all’interno della programmazione di Emergence Festival con gli artisti Nespoon, Ruce e Massimo Paganini in collaborazione con il paesaggista Giovanni Bonasera.

Il progetto a cura di Giuseppe Stagnitta intende porsi come il primo di una lunga serie di residenze di arte pubblica che, si auspica, porteranno il paese di Oliveri a posizionarsi a livello nazionale come uno dei luoghi più ambiti e prestigiosi per questa tipologia di attività.

“Pensato in modo da creare un dialogo costruttivo tra la “tradizione”, la “popolazione” e il “territorio”, infatti, tutti gli artisti hanno, durante la progettazione dell’opera, coinvolto il territorio e i suoi abitanti e la memoria storica nel processo di elaborazione creativa. Aspetto molto importante questo che diventa il focus del progetto delle residenze nel tentativo di aiutare il cittadino in quel processo di riappropriazione della propria identità territoriale e pubblica, riconoscendosi all’interno dell’opera che lo trasforma in icona rappresentativa del territorio”.

 

È prevista la presentazione del progetto lunedì 7 settembre alle ore 18.30 di fronte al palischermo della tonnara di Oliveri con la presenti il Sindaco Francesco Iarrera, l’Assessore ai Beni Culturali Salvuccia Saporito, l’esperto del Comune di Oliveri arch. Francesca Ravidà, gli artisti Nespoon, Paganini, Ruce e il curatore Giuseppe Stagnitta.

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.