Condividi:

Sul tema Ospedale, dopo l’affondo del gruppo di opposizione, non si è fatta attendere la reazione da parte della maggioranza del Consiglio comunale.

E’ arrivano parole dure dai gruppi consiliari di Forza Barcellona, DF-Azione Nazionale, Partito Democratico, DR-Sicilia Futura, Niente Paura, Sicilia Democratica, Alternativa Nazionale-Noi ci Siamo, Gruppo Misto, rappresentativi di 25 consiglieri comunali su 30, i quali si legge nella nota diffusa nel tardo pomeriggio di ieri: “si oppongono con forza al tentativo di divisione avanzato da soli 5 consiglieri di minoranza”. Pertanto gli stessi dichiarano: “C’eravamo dati una scadenza, quella del 20 maggio 2016, data in cui il manager generale Sirna dovrà comunicare la sua decisione sul cronoprogramma e sulla destinazione dei reparti di area medica e chirurgica. Siamo al 17 maggio e, purtroppo, alla logica dello stare insieme ed uniti in difesa del nostro ospedale e’ prevalsa quella della solita parte politica che non perde occasione per isolarsi. Qualcuno ha voluto issare una bandiera politica in spregio all’interesse al diritto alla salute di tutti i cittadini. Ancora una volta i soggetti collegati all’amministrazione precedente, – continua il comunicato – in virtù di logiche di parte, hanno rotto il fronte di una protesta comune operando contro l’unità del consiglio comunale e contro tutta la città. Non vi è stato alcun contrordine da parte di nessuno benché meno dall’amministrazione comunale. Le fughe in avanti di soli 5 consiglieri su 30 invece denotano, ancora una volta, una visione personalistica degli interessi sulla politica e sulla città. Una politica da campagna elettorale nell’interesse di qualcuno da cui l’intero consiglio e la città intera si dissocia con forza! Tutti i gruppi consiliari, continueranno a vigilare sul rispetto degli accordi del 15 gennaio e nel caso in cui tali accordi venissero disattesi saranno tutti pronti ad azioni di protesta più incisive”.

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.