Condividi:

Otto anni ed otto ore di camera di consiglio, questo è il tempo che è servito al Tribunale di Patti per arrivare alla prima sentenza della strage del “Rifugio del Falco” avvenuta il 22 agosto 2007 in contrada Moreri e costata la vita a 6 persone oltre alle 20 rimaste ustionate in vario modo.

Ieri sera, alle 21, il Tribunale di Patti ha emesso la sentenza relativa ai fatti dell’agriturismo pattese in quella lontana giornata estiva, condannando a 5 anni e 6 mesi l’allevatore di Montalbano Elicona Mariano La Mancusa oltre che al pagamento delle spese processuali e al risarcimento dei danni subiti da LEGA AMBIENTE Comitato Regionale Siciliano  C.R.S.

Assolti invece i forestali Carro Antonino, Giordano Giuseppe e Galletta Gaetano dai reati loro ascritti perché il fatto non sussiste.

Ordinata invece la separazione della posizione dell’imprenditore Santi Antonio Anzà per ulteriori approfondimenti istruttori di natura tecnica sul decorso causale e prevedibilità dell’evento e disposta una nuova perizia affidata la prof. Giovanni Bovio.

Una tale sentenza non potrà certamente lasciare soddisfatti i parenti delle vittime e i reduci dal tragico rogo.

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.