Condividi:

Rendere i porti dello Stretto Covid free. Realizzando una struttura per la vaccinazione straordinaria dei lavoratori nei porti di Messina, Tremestieri e Milazzo. È la richiesta di Filt Cgil e Uiltrasporti all’Autorita di Sistema Portuale e all’Asp di Messina.

“In ottemperanza al protocollo nazionale sottoscritto lo scorso 6 aprile, promosso su invito del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali e del Ministro della Salute che avvia la campagna straordinaria di vaccinazioni sui luoghi di lavoro, i segretari di Filt Cgil e Uiltrasporti Messina, Carmelo Garufi e Nino Di Mento, sollecitano la stipula di un accordo di collaborazione tra Autorità portuale, Azienda sanitaria provinciale e le imprese autorizzate nei porti di Messina, Tremestieri e Milazzo, nell’ambito delle rispettive competenze istituzionali e di impresa per l’avvio della campagna vaccinale dei lavoratori che intendono sottoporsi alla vaccinazione.

Auspicando e prevedendo nell’area dello Stretto un prossimo incremento delle attività portuali e crocieristiche – continuano i sindacalisti – chiediamo l’intervento dell’Adsp ed il coinvolgimento di tutti i soggetti, a diverso titolo operanti nei porti di competenza , agenzie marittime, spedizionieri e doganieri, portuali e marittimi operanti sulle tratte passeggeri , per la programmazione di un Piano Vaccinale da attuare all’interno di una struttura accentrata e di riferimento in ambito portuale per la distribuzione dei vaccini e delle necessarie strumentazioni sanitarie. Occorre partire per tempo – concludono Filt Cgil e Uiltrasporti- per far trovare pronte alla ripresa le nostre strutture portuali partendo dalla sicurezza dei lavoratori e dalla campagna vaccinazioni della categoria, consapevoli che rendere covid free i nostri porti, tra i più frequentati dal traffico passeggeri, sarà di sicuro grande volano di sviluppo e di ripresa economica del territorio”.

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.