Condividi:

La Giunta regionale è ancora riunita per assumere decisioni in merito alle conclusioni del Comitato tecnico scientifico sull’attuale situazione pandemica in Sicilia. Il Cts avrebbe proposto l’istituzione dell’area rossa per tre settimane.

“Al vaglio del governo Musumeci – si legge in una nota della Presidenza della Regione – ci sono misure restrittive che si rendono necessarie in considerazione dell’ andamento del contagio sul territorio siciliano”.

“Siamo ancora riuniti per esaminare la relazione che arriva dal Cts e fotografa una realtà preoccupante, il periodo delle festività ha registrato un calo di attenzione, quindi le conseguenze si pagano adesso. Dovremo valutare delle misure restrittive, nel frattempo arriveranno le determinazioni del governo nazionale, domani ci confronteremo con Roma e dobbiamo correre ai ripari”. quanto ha dichiarato il governatore. Una stretta che appare imminente, messa nero su bianco dagli esperti siciliani.
Pertanto, domani rimarranno in vigore le disposizioni previste dal governo nazionale relative alla didattica, salvo in quei Comuni dove sono state già assunte iniziative diverse.

Intanto sono 6.203 le persone che ieri in Sicilia hanno ricevuto il vaccino anti-covid. Dall’avvio della campagna vaccinale nell’Isola sono già state somministrate, complessivamente, oltre 35mila dosi di farmaco su altrettanti cittadini rientranti nel target attuale previsto dal Piano nazionale.

Ecco il Video Messaggio di Nello Musumeci: 

https://www.facebook.com/regionesiciliana/posts/2803104669936734

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.