Condividi:

Venerdì 20 maggio 2016, saranno trascorsi cinque anni dalla prematura scomparsa di Nino Granato, dialettologo e studioso di tradizioni legate al proprio territorio nonché uomo di grande spontaneità e legato alla famiglia. Viveva nella Via Marconi di Barcellona Pozzo di Gotto e la città del Longano era ormai divenuta la sua “terra d’adozione”, nella quale era stimatissimo e dove aveva svolto il proprio lavoro per anni. Ma era San Basilio il suo vero amore. Questa bellissima frazione del comune di Novara di Sicilia ha sempre rappresentato per Nino Granato il “nucleo del mondo”, del Suo mondo! Luoghi bellissimi ed ancor oggi incontaminati quali ad esempio l’antichissima Chiesa di Badiavecchia. Scrisse veramente tanto sul “Gallo-italico” che più che un dialetto è una vera e propria lingua, di cui ogni novarese va fiero. Fece ricerche storiche, si impegnò anche in politica per la passione civile che lo contraddistingueva. Una persona di grande semplicità ma anche “un personaggio” di quelli che oggi non ci sono più. E in questo anniversario la famiglia che lui tanto amò, la moglie Signora Scarcella/Granato ed i due figli Maria e Michele, pregheranno per la sua Anima buona da lontano (si trovano al Nord) ma con dentro al loro cuore la terra natia ed il loro carissimo Nino!

Alfredo Anselmo

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.