Condividi:

Il bollettino delle ultime 24 ore, registra 699 i nuovi positivi al Covid19 in Sicilia su 24.073 tamponi processati, con una incidenza del 2,9%, leggermente in salita rispetto a ieri. La regione è decima per i dati sui contagio in base al bollettino odierno.

Le vittime sono state 8 nelle ultime 24 ore e portano il totale a 4.430. Il numero degli attuali positivi è di 16.192, con un aumento di 459 casi rispetto a ieri. I guariti sono 232.
Negli ospedali i ricoverati sono 876, 23 in più rispetto a ieri, quelli nelle terapie intensive sono 125, 4 in più rispetto alle 24 ore precedenti. La distribuzione nelle province vede Palermo 342, Catania 74, Messina 56, Siracusa 50, Trapani 13, Ragusa 31, Caltanissetta 70, Agrigento 61, Enna 2.

Intanto si viaggia spediti nella campagna di vaccinazione, con l’obiettivo di fare presto, come era stato annunciato, oggi e domani, dalle 18 alle 22, gli hub vaccinali della Sicilia saranno aperti agli aventi diritto: over 70, forze dell’ordine, insegnanti, persone già prenotate che avevano saltato il turno per la sospensione del siero AstraZeneca, o che vogliono anticipare la vaccinazione.

La campagna vaccinale registra qualche intoppo: oggi nell’hub di Caltanissetta si sono registrate lunghe code, sotto la pioggia, tanto che nel pomeriggio il questore di Caltanissetta ha offerto all’Asp il sostegno della Polizia per evitare le lunghe attese e, d’intesa con la prefettura, ha convocato una riunione per lunedì. Ma per l’Asp, la situazione – fondamentalmente creata da utenti arrivati fuori dagli orari stabiliti – è già tornata alla normalità. Lunghe code si sono registrare anche a Siracusa e Messina in questi due giorni di vaccinazione per somministrazione Astrazeneca.
Infine un appello a far presto arriva da Confcommercio Palermo, che per mercoledì ha annunciato una manifestazione davanti all’Ars per chiedere ristori e un piano di vaccinazione che si concluda entro maggio, perché – dice lo slogan coniato per l’iniziativa.

“Adesso le aziende. Anche senza lavoro si muore”. A dare una mano per velocizzare le somministrazioni, ci penseranno anche i volontari, che adesso, come ha annunciato la Protezione civile nazionale, affiancheranno nella varie regioni medici e infermieri nella campagna vaccinale. Campagna che da metà aprile disporrà di un nuovo vaccino, il Johnson & Johnson, mentre nel nostro Paese è in arrivo domani un lotto di Moderna (il più consistenze, finora, della casa farmaceutica americana) che conta 344 mila dosi da distribuire a tutte le regioni.

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.