Condividi:

Crescono i numeri di affetti da covid19 nel territorio siciliano, nelle ultime 24 ore: 90 nuovi casi, secondo quanto riporta il bollettino del Ministero della Salute.

Dati purtroppo in aumento dopo i 77 nuovi casi di ieri, su un totale di 5809 tamponi, circa mille in più di ieri. Gli attuali positivi salgono a 1988, con 1817 persone positive che si trovano in isolamento domiciliare. 171 invece i ricoverati in ospedale (13 in più), di cui 16 in terapia intensiva (uno in meno).

Purtroppo però, si registrano 3 decessi, che fanno salire il totale delle vittime dell’epidemia a 295. I guariti ammontano invece a 3.190, diciotto in più del bollettino di ieri.

Per quanto riguarda gli aggiornamenti provincia per provincia, a Palermo ci sono stati 33 nuovi contagi, 35 sono stati a Catania, 5 ad Agrigento, 4 a Trapani, 1 a Ragusa, 4 a Messina, 7 a Enna, 1 a Caltanissetta, mentre nessuno a Siracusa.

Intanto in mattinata il presidente della regione Nello Musumeci ha annunciato il ‘Piano Covid Sicilia’, si tratta di una serie di bandi regionali per un totale di 278 milioni di euro per contributi alle imprese, promozione turistica, scuola, editoria e Confidi, servizi di trasporto.

Il piano, finanziato con fondi Fesr, rientra nelle misure previste dalla legge di stabilità approvata a maggio dall’Ars. I contenuti sono stati presentati, in conferenza stampa a palazzo d’Orleans, dal presidente della Regione Nello Musumeci e dagli assessori coinvolti: Gaetano Armao (Economia), Marco Falcone (Trasporti), Mimmo Turano (Attività produttive), Roberto Lagalla (Istruzione e Formazione), Manlio Messina (Turismo). “Andremo avanti con altri bandi a seconda della reazione che registreremo su questi primi bandi – ha detto Musumeci – Ho raccomandato che i bandi fossero più snelli possibili, si tratta di un intervento emergenziale, perché le disponibilità finanziarie devono arrivare subito alle imprese, che sono in condizioni cianotiche”. Il governatore ha sottolineato che “il piano è stato frutto di un processo di confronto, di concertazione con tutti i gruppi parlamentari della coalizione di governo e opposizione”.

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.