Condividi:

Il report delle ultime 24 ore in Sicilia, registra un nuovo aumento con 1.576 nuovi positivi al Coronavirus su 9.537 tamponi processati. Le vittime sono state 36 che portano a 2564 deceduti dall’inizio della pandemia.

I positivi sono 37.426, con un aumento di 848 casi. Negli ospedali i ricoveri di pazienti Covid sono 1388, 21 in più rispetto a ieri, 1.198 in regime ordinario (17 in più) e 190 in terapia intensiva (+ 4). I guariti sono 692.
La distribuzione nelle province vede a Catania 396 casi, Palermo 383, Messina 222, Ragusa 47, Trapani 286, Siracusa 48, Caltanissetta 132, Agrigento 39, Enna 23.

Calano i casi da Covid-19 nella città del Longano. I dati forniti nelle ultime 48 ore dall’Usca, segnalano quattordici guarigioni e cinque nuovi casi di positività riscontrati, di cui uno già in isolamento domiciliare.

Mentre resta invariata la situazione dei ricoveri in ospedale. Per il sindaco Pinuccio Calabrò: “La nostra città sta tirando un bel sospiro di sollievo, ma è necessario continuare a rispettare le regole per poter definitivamente vincere la nostra battaglia contro il coronavirus”.

Preoccupante impennata di casi Covid invece nella vicina Milazzo. Il risultato dei tamponi eseguiti il giorno di Capodanno è stato sconfortante. Il numero dei positivi è aumentato di ben 38 unità, mentre i guariti sono appena undici. Ciò porta il totale generale a 145 persone, di età compresa tra i 22 ed i 60 anni. E la situazione potrebbe peggiorare quando saranno validati i tamponi effettuati nelle ultime 48 ore.

A Furnari i casi da Covid sembrano abbastanza sotto cpontrollo, con gli ultimi dati diffusi ieri, che registravano un solo soggetto in quarantena e due positivi.  Inoltre nei giorni precedenti il sindaco Maurizio Crimi ha voluto precisare che: “I dati relativi al contagio nel nostro paese derivano esclusivamente da comunicazioni ufficiali ASP.
Chi diffonde tabelle riportanti dati sulle unità contagiate, se ne assume tutta la responsabilità oltre al procurato allarme che genera nella collettività.

A Oliveri è in programma per giovedì 7 gennaio, l’opportunità di sottoporsi a tampone rapido gratuito, in modalità Drive-In, dalle ore 8:30 presso il mercato coperto.
“Questa iniziativa aumenterà la sicurezza di tutti noi, agendo in maniera preventiva sulle possibili linee di contagio. Questo test è particolarmente consigliato agli insegnanti e bambini che avranno la precedenza. In generale, più persone si sottoporranno al tampone, più saremo al sicuro”.

Inoltre nel pomeriggio di ieri, l’Amministrazione comunale ha tenuto ha smentire fermamente “la notizia che riguarda il presunto decesso di una persona di 87 anni, di Oliveri, in conseguenza dell’infezione da COVID-19. Nessun decesso è stato registrato presso i nostri uffici nelle ultime ore.
Non conosciamo la fonte di questa informazione, consegnata con disinvoltura agli organi di stampa e diffusa senza la necessaria verifica.
Crediamo che in una fase cosi delicata, si debba resistere alle lusinghe della “notizia”, in favore di una comunicazione responsabile, a sostegno del lavoro delle istituzioni.
Da mesi siamo impegnati a mantenere un complicato equilibrio, fra garanzia di salute e contenimento dei sentimenti di paura.
Simili notizie alimentano ansia e preoccupazione: stati d’animo di cui si fa volentieri a meno.
Restiamo disponibili a collaborare con tutti gli organi di stampa, per fornire affidabili e precise informazioni riguardo notizie sul nostro territorio.
Esprimiamo vivo cordoglio verso i familiari della signora deceduta.

Nella piccola cittadina tirrenica,  i casi accertati restano 13 e stanno sostanzialmente bene.
“Attendiamo buone notizie dagli esiti dei tamponi di fine isolamento che saranno consegnati nel pomeriggio.  Intanto tre nostri concittadini che lavorano in ospedale, hanno ricevuto il vaccino. Raccomandiamo di tenere alta l’attenzione, utilizzare bene la mascherina, igienizzare frequentemente le mani e mantenere la distanza di sicurezza”

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.