Condividi:

In Sicilia si conferma anche oggi la lieve flessione dei contagi Covid. Sono 765 i nuovi positivi su 25.977 tamponi processati, con una incidenza di positivi di poco superiore al 2.9%, in diminuzione rispetto a ieri.

La regione, secondo il bollettino diffuso dal Ministero della Salutem resta nona per numero di contagi giornalieri. Le vittime sono state 22 e portano il totale a 4.493. Il numero degli attuali positivi è di 16.387 con 102 casi in meno; i guariti sono 845. In lieve calo anche i ricoveri ospedalieri: sono 931, 4 in meno rispetto a ieri, 119 dei quali in terapia intensiva 119, due in meno. La distribuzione nelle province vede ancora una volta Palermo in testa con 259 casi, un terzo del totale, a seguire Catania 116, Messina 78, Siracusa 65, Trapani 26, Ragusa 14, Caltanissetta 71, Agrigento 107. Enna 29..

Anche per questo motivo il commissario straordinario per l’emergenza Covid a Palermo Renato Costa e Claudia Sannasardo, del dipartimento prevenzione dell’Asp del capoluogo, hanno scritto una lettera al sindaco di Palermo Leoluca Orlando. “Lo stato di allerta e le restrizioni attuate nelle diverse circoscrizioni dell’area metropolitana di Palermo – sottolineano -, sono ancora necessari in quanto il trend è uniforme nel tempo e non accenna a diminuire”. Una sollecitazione subito raccolta dal sindaco che ha emanato oggi un’ordinanza con cui proroga fino al 2 aprile, la sospensione di alcuni mercati rionali.
Intanto dopo le proteste e le polemiche dei giorni scorsi l’hub vaccinale della Fiera del Mediterraneo di Palermo ha modificato l’organizzazione negli ingressi sia per i tamponi che per per i vaccini. Sia ieri che oggi gli utenti hanno atteso diverse ore prima di ricevere l’inoculazione. “Abbiamo avuto un po’ di coda all’esterno ma all’interno della Fiera è andato tutto bene, andiamo avanti così” dice il commissario Costa che conferma come l’accelerazione impressa alle vaccinazioni abbia portato anche a un progressivo esaurimento delle dosi disponibili. “I vaccini stanno finendo, ma dovrebbero arrivare tra stasera e domattina quindi proseguiremo come stiamo facendo con le somministrazioni”.
Oggi infine si è svolta una manifestazione davanti all’Assemblea regionale siciliana dei commercianti, organizzata da Confcommercio Palermo, per denunciare le gravissime condizioni di aziende che dopo un anno di pandemia rischiano di fallire. I commercianti hanno indossato per provocazione una maschera di gomma. “Dopo il diritto alla vita c’è diritto al lavoro – dice Patrizia Di Dio presidente di Confcommercio – Da un anno lo Stato sottrae il lavoro a chi ce l’ha e ce l’aveva”.

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.