Condividi:

I dati sull’emergenza Covid in Sicilia trasmessi alla cabina di regia del Ministero della Salute dovrebbero confermare domani il mantenimento della Sicilia in zona arancione.

E sempre sulla base di questi stessi numeri il presidente Musumeci, dopo un’attenta analisi con i vertici della Sanità, ha disposto la proroga di un’altra settimana della zona rossa nella città di Palermo, dove l’incidenza settimanale tra il numero dei contagi è appena al di sotto dei 250 casi per centomila abitanti.

Ancora più bassa in provincia, tanto che il Governatore ha deciso, tranne che in alcuni comuni, di tornare alla zona arancione. E anche la città di Caltanissetta, dopo 38 giorni di rosso, torna finalmente da domani a colorarsi di arancione.
A consigliare di mantenere alta la guardia, del resto, sono proprio i dati settimanali contenuti nel report della Fondazione Gimbe, che continuano a registrare un aumento dei contagi. Sotto soglia di saturazione i posti letto in area medica e terapia intensiva occupati da pazienti covid, mentre la percentuale di popolazione che ha completato il ciclo vaccinale è pari al 7,5% -a cui aggiungere un ulteriore 8,7% solo con la prima dose.
Anche la curva dei contagi giornalieri nell’isola continua a crescere. Oggi sono 1.412 i nuovi positivi su 34.077 tamponi processati, con una incidenza del 4,1%. La regione è al quinto posto per numero di casi in un giorno. Le vittime sono state 23 e portano il totale a 5.241. Il numero degli attuali positivi è di 25.628 con un incremento di 440 casi rispetto a ieri; i guariti sono 949. Negli ospedali il trend dei ricoveri fortunatamente sembra invertirsi: sono 1.422, 34 meno rispetto a ieri, dei quali 178 nelle terapie intensive. La distribuzione territoriale conferma ancora una volta che il maggior numero di casi (469) si concentra in provincia di Palermo, anche se Catania registra un numero consistente di nuovi contagi: 336.
Intanto è atterrato stamattina all’aeroporto militare di Sigonella lo speciale carico contenente 14.750 dosi del vaccino Janssen. Si tratta della prima fornitura di fiale anti-Covid prodotte dalla Johnson & Johnson destinata alle strutture siciliane.

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.