Condividi:

Non ha deluso le aspettative Max Gazzè che, con il suo “Coast to Coast tour” ha fatto tappa all’Arena “Vittorio Emanuele” di Portorosa. L’artista romano, ma nelle cui vene scorre sangue siciliano, ha entusiasmato il pubblico presente che, sulle note delle sue canzoni più celebri, si è scatenato ballando e cantando per quasi tutte le due ore di spettacolo. Ciò che attendeva gli spettatori si è capito sin dalle prime note de “Il motore degli eventi” che ha aperto il concerto. A seguire “Come si conviene” e “I tuoi maledettissimi impegni”, quindi “Vento d’estate” e la grande festa ha avuto inizio. Accompagnato dalla sua band storica composta da Max “Dedo” De Domenico ai fiati, Giorgio Baldi alle chitarre, Clemente Ferrari alle tastiere e Cristiano Micalizzi alla batteria, Gazzè ha proposto i brani più celebri della sua ventennale carriera partendo dal singolo d’esordio “Quel che fa paura”. Particolarmente toccante è stata l’esecuzione di “Cara Valentina” e non sono mancate le sorprese con “L’amore non esiste” composto assieme a Nicolò Fabi e Daniele Silvestri. Dopo le immancabili “Il solito sesso” e “La favola di Adamo ed Eva” arriva la hit “Sotto casa”. Il finale è lasciato ad “Annina” e a “Una musica può fare”. La rassegna all’Arena di Portorosa, organizzata dal Teatro “Vittorio Emanuele” di Messina, dal Comune di Furnari e dalla Sud Dimensione Servizi di Lello Manfredi chiuderà la stagione sabato 29 agosto con lo spettacolo di Renzo Arbore e l’Orchestra italiana in cui lo showman proporrà una scaletta che coniuga il nuovo e l’antico suono di Napoli: voci e cori appassionati, girandole di assoli strumentali, un’altalena di emozioni sprigionate dalle melodie della musica napoletana che evocano albe e tramonti, feste al sole e serenate notturne, gioie e pene d’amore.

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.