Condividi:

Proprio dopo la mezzanotte, arriva la sentenza del processo Gotha VII per gli imputati che hanno scelto il rito abbreviato.

Si tratta di Francesca Cannuli, Salvatore Piccolo e Francesco Carmelo Salamone, già consigliere comunale di Terme Vigliatore. L’inchiesta della DDA di Messina era incentrata sui più recenti equilibri della mafia del Longano.

Per i tre imputati, l’accusa era di associazione di tipo mafioso. Il giudice ha ritenuto “impossibile modificare il capo di imputazione” e ha quindi condannato il Piccolo a dieci anni di detenzione e a tre di libertà vigilata, il Cannuli a otto anni e quattro mesi e a un anno di libertà vigilata e il Salamone a sette anni e due mesi e a un anno di libertà vigilata.

I tre sono stati rispettivamente difesi dagli avvocati Giuseppe Lo Presti, Nino Aloisio e Rita Pandolfino. Un duro colpo per il sistema Cosa nostra barcellonese, che con le suddette condanne nell’operazione Gotha VII, chiude il cerchio su una serie di datate puntate giudiziarie.

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.