Milazzo. La polizia chiude temporaneamente nota discoteca

Macrolibrarsi

Con un provvedimento a firma del questore Vito Calvino, la polizia ha chiuso temporaneamente una nota discoteca a Milazzo. Alla base del provvedimento disposto, diverse irregolarità amministrative e un concreto pericolo per l’incolumità pubblica.

Notificato oggi dai poliziotti del Commissariato di P.S. di Milazzo, il decreto che dispone la sospensione dell’attività di trattenimenti danzanti, emesso dal Questore di Messina Vito Calvino, a carico di una nota discoteca del capoluogo mamertino.

In seguito ad una serie di controlli amministrativi effettuati lo scorso 20 ottobre dagli agenti del locale Commissariato coadiuvati dai colleghi della Divisione Polizia Amministrativa della Questura, sono state riscontrate diverse irregolarità che creavano grave e concreto pericolo per l’incolumità degli spettatori.

In particolare la capienza del locale, capace di ospitare fino ad un massimo  di 450 persone, era sfruttata per accogliere un numero notevolmente superiore di avventori  presenti al momento dei controlli; di queste 200 erano distribuite su due soppalchi che ne avrebbero potuto contenere 75.

Quanto accertato ha permesso, dunque, al Questore di disporre la sospensione della relativa licenza nonché la chiusura per 15 giorni del locale, con il preciso scopo di prevenire situazioni analoghe a quelle di cui sopra, pregiudizievoli per l’ordine e la sicurezza pubblica.

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.