Condividi:

Nell’ambito dei servizi di controllo del territorio previsti nella serata di sabato scorso, i poliziotti del Commissariato di P.S. di Capo d’Orlando e quelli del Distaccamento di Polizia Stradale di S. Agata di Militello hanno sottoposto a controllo un uomo di 48 anni, con precedenti di polizia, nei pressi dei caselli autostradali di Brolo.
Poco dopo e poco distante dai luoghi del controllo, i poliziotti hanno rinvenuto un sacchetto contenente più di un kg e mezzo di marijuana. L’involucro contenente la sostanza stupefacente era stato nascosto all’interno di un canale di scolo delle acque reflue lungo la rampa di accesso ai caselli autostradali.
Dopo il rinvenimento, gli agenti hanno immediatamente organizzato un servizio di appostamento congiunto che, nel corso della notte, ha dato i suoi frutti e rivelato l’identità del proprietario della droga. Intorno alle 01.00 infatti, gli agenti hanno avvistato e arrestato il quarantottenne sottoposto a controllo in serata, CRIMI STIGLIOLO Pino, intento a recuperare la marijuana.
Sequestrato, altresì, un coltello di cm 16,5 con lama di 7,5 che l’uomo teneva nelle tasche dei pantaloni. Lo stesso, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stato sottoposto agli arresti domiciliari.

Nella serata di ieri, nell’ambito delle attività svolte a seguito dell’arrivo presso il Centro di Primo Soccorso ed Identificazione di Messina di 23 migranti, sbarcati in provincia di Agrigento e qui trasferiti, gli agenti della Squadra Mobile hanno dato esecuzione a due ordini di carcerazione, entrambi emessi dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Modena, a carico di NHERI Hichem, 36 anni e FIDI Chiari, 30, entrambi di nazionalità tunisina.
Il primo dovrà espiare la pena dell’arresto di mesi 2, perché ritenuto colpevole di aver disatteso le disposizioni previste dal foglio di via obbligatorio emesso dalla Questura di Modena; il secondo dovrà espiare la pena di mesi 7 e giorni 29 di reclusione, poiché ritenuto responsabile di reati in materia di stupefacenti commessi a Modena nel 2014.

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.