Condividi:

Dal report del Ministero della Salute di ieri sera, si registrano 1.016 nuovi casi di Covid-19 in Sicilia nelle ultime 24 ore, su 9.059 tamponi effettuati. Ottimo il dato sui guariti con 1.642 nuovi soggetti.

I decessi di pazienti positivi al coronavirus sono 23, che portano il totale a 1.946. Con i nuovi casi sono 35.761 gli attuali positivi, con un decremento di 649 casi rispetto a ieri. Di questi 1.439 sono i ricoverati (38 in meno rispetto a ieri): 1.243 pazienti in regime ordinario (-57) e 196 (-1) in terapia intensiva. In isolamento domiciliare ci sono 34.322 persone.

La distribuzione dei nuovi contagi per province vede Catania con 402 casi, Palermo 189, Messina 168, Ragusa 35, Trapani 81, Siracusa 50, Agrigento 47, Caltanissetta 22, Enna 22.

La Regione ha comunicato che sono oltre sessanta, tra drive-in e punti di controllo, i siti predisposti per consentire a quanti rientreranno nell’Isola per le festività di Natale e di fine anno di effettuare il test del tampone rapido, qualora non avessero eseguito il tampone molecolare entro le 48 ore antecedenti l’arrivo. La misura, contenuta nell’ordinanza del presidente Nello Musumeci e condivisa con il comitato tecnico scientifico regionale, punta a contrastare la diffusione del virus in seguito all’aumento della mobilità proprio durante il periodo natalizio. Sono previsti dei centri di controllo nei principali punti di accesso dell’Isola (porti, aeroporti, etc) e nei drive-in predisposti dalle Asp su tutto il territorio regionale. Intanto il sindaco di Palermo Leoluca Orlando ha emanato oggi l’ordinanza che prevede misure per il contrasto e il contenimento sul territorio comunale del diffondersi del virus Covid-19 e con la quale dispone, a decorrere da oggi e fino al 15 gennaio del 2021 compreso il divieto di stazionamento per le persone, dal lunedì alla domenica dalle ore 11 e fino alle ore 22 e l’ 1 gennaio dalle ore 7 alle ore 22 nelle zone della città indicate.

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.